Questo sito utilizza cookie. Se ne accetti l’utilizzo prosegui la navigazione, oppure clicca sul tasto “comprendere” per comprenderne l‘utilizzo.


 
 
+39 348 1023115 
 
 
prodotti per 0,00 €
0
prodotti per 0,00 €
0

Per noi è naturale parlare di Kamado… è una parola che fa parte del nostro nome, ed indica chiaramente il prodotto che ci dà così tante soddisfazioni!

Ma tu che giungi oggi qui sul nostro gruppo, sai di cosa si tratta?

Per noi è naturale parlare di Kamado… è una parola che fa parte del nostro nome, ed indica chiaramente il prodotto che ci dà così tante soddisfazioni!

Ma tu che giungi oggi qui sul nostro gruppo, sai di cosa si tratta?

Il performante dispositivo ceramico che oggi conosciamo con questo nome affonda le sue origini all’alba dei tempi.

Alcuni ritrovamenti ci raccontano di recipienti in argilla trovati in Cina, risalenti ad oltre 3000 anni fa.

Strumenti di questo tipo in realtà si sono poi evoluti parallelamente in diversi Paesi, ma ci soffermeremo in particolare sulla declinazione che nacque in Giappone.

Parliamo del “Mushikamado”, una sorta di grande stufa costruita in argilla e terra, nata per la cottura del riso. Già, perché Kamado, in giapponese, significa semplicemente “stufa”, o più letteralmente "posto per il calderone".

Si ritiene che questa tipologia di stufa sia stata introdotta in Giappone durante il periodo di Kofun (300-538), poiché i primi esempi noti furono rivelati da scavi archeologici di abitazioni risalenti a quel periodo.

Successivamente, questo tipo di “cucina” si evolse in qualcosa di portatile, con una forma che oggi consideriamo estremamente familiare.

Se cerchiamo invece un riferimento occidentale, dobbiamo superare gli anni 50 del ‘900, come ci suggerisce una simpatica pubblicità del 1963, su un giornale californiano. dove si scriveva chiaramente che, in giapponese, Kamado significava semplicemente forno, fornello, affumicatore o stufa, persino camino.

Questo è molto interessante perché sottolinea, se ce ne fosse bisogno, che il Kamado non ha una “paternità”, a meno che non si voglia fare una vera e propria ricerca archeologica (tanto che esistono brevetti sui vari marchi, i quali “contengono” la parola Kamado, come Kamado BONO, ma non esiste alcun brevetto sulla parola Kamado).

Si tratta insomma di un mero strumento, nel tempo prodotto da diversi marchi e perfezionato, come è giusto che sia, in base alle esigenze ed agli obiettivi di ognuno.

Ciò che non è mai cambiato, però, è l’utilizzo della ceramica.

L'uso della ceramica presenta molti vantaggi rispetto ad altri materiali, principalmente grazie all’eccezionale stabilità di temperatura, che consente di utilizzare questi dispositivi nei metodi più disparati, trattandoli da griglie, a smoker, a forni a legna.

Arriviamo ad oggi, quando le grandi possibilità messe a disposizione dal miglioramento delle tecnologie hanno consentito di ottenere ceramiche sempre migliori, più resistenti alle intemperie, soprattutto agli sbalzi di temperatura, vero flagello dei modelli più antichi.

Oggi un Kamado conservato nel rispetto delle condizioni dettate dal produttore è praticamente eterno, un vero e proprio dispositivo da tramandare ai propri figli.

È per questo motivo che Kamado BONO è orgogliosa di poter offrire ai propri clienti una GARANZIA A VITA.

Sembra assurdo eh? Però è così. Perché siamo talmente certi dell’alta qualità del nostro prodotto da non avere alcun tipo di timore.

Capito ora quanta storia è contenuta in questo dispositivo?